Skip to content
LA STORIA DEL TÈ

La Storia Del Tè

STORIA

È una delle bevande più amate al mondo, immancabile nelle dispense ad ogni latitudine. Se ne bevono miliardi di tazze al giorno. Ma sapevi che il tè delizia i popoli con le sue virtù da migliaia di anni? Partiamo insieme per un breve viaggio alla scoperta della sua storia.

ORIGINI MISTICHE 

L'origine del tè è avvolta nel mito e nel mistero. Dall'Impero Cinese fino a una certa principessa portoghese, la storia del tè è ricca quanto il suo sapore. Le prime testimonianze sul consumo di tè si trovano in Cina. La leggenda narra che un giorno una foglia di tè cadde nell'acqua fatta bollire per l'imperatore Shen Nung e questi ne trovò gradevole il gusto. Senza saperlo, l'imperatore aveva appena inventato la prima tazza di tè.   

Giappone: Amore Al Primo Sorso

Successivamente, durante la Dinastia Tang, alcuni eruditi buddisti giapponesi in visita in Cina portarono nel loro paese dei semi di tè. Fu subito amore. Il popolo del Sol Levante accolse immediatamente la bevanda nella propria cultura fino a creare, nel tempo, la celebre cerimonia giapponese del tè.

Il Tè Sbarca In Europa

Il Tè Sbarca In Europa 

Nella Vecchia Europa furono i portoghesi a scoprire per primi i piaceri del tè, grazie ai missionari e ai mercanti che lo riportavano in patria dall'Asia. Furono invece gli olandesi a intravedere per primi il potenziale commerciale di questa prodigiosa foglia. Purtroppo, però, era terribilmente costosa e restò per molti anni una prelibatezza che solo le classi più ricche potevano permettersi.

DA BUONI ULTIMI...

Curiosamente i britannici, famosi proprio per il consumo smodato di tè, non presero subito quest'abitudine. Bisognerà attendere il matrimonio di re Carlo II con la principessa portoghese Caterina di Braganza, nota amante del tè, perché prendesse piede. Desiderosi di imitare la nuova regina, i britannici iniziarono a bere il tè... e non smisero mai più. 

Afternoon Tea Per Tutti? 

L'Afternoon tea pare sia stato inventato da Anna Russell, Duchessa di Bedford. La nobildonna aveva spesso voglia di uno spuntino pomeridiano e si rese conto che un pasto leggero a base di tè Darjeeling, accompagnato da dolcetti o tramezzini, era proprio quel che ci voleva. E così, dal nulla, nacque la consuetudine del tè pomeridiano.

IL CONTRABBANDO 

In Gran Bretagna i prezzi esorbitanti del tè aprirono la strada a un fiorente contrabbando e al consumo illegale. Nel XVIII secolo il tè di contrabbando era addirittura più di quello importato legalmente. Fu solo quando il governo ridusse le imposte e il nostro fondatore Sir Thomas Lipton lo rese abbordabile al grande pubblico, che il tè divenne la bevanda diffusa che è ancora oggi.


La Rivoluzione Della Bustina

La Rivoluzione Della Bustina 

L'invenzione, del tutto casuale, del tè in bustina si deve invece a un americano, Thomas Sullivan. Questo mercante di New York era solito spedire ai clienti campioni del suo tè racchiusi in sacchetti di seta e i destinatari diedero per scontato che sia il tè che il sacchetto andassero inseriti nella teiera. L'idea funzionò sorprendentemente bene, e fu così che nacque la bustina di tè.

UN SENTITISSIMO RINGRAZIAMENTO

La prossima volta che ti concederai una tazza di buon tè Lipton®, non dimenticare di levare un brindisi alla sua lunga storia e a tutti coloro che hanno contribuito a far sì che il tè diventasse la cosa magnifica che è oggi. Grazie a tutti!