Skip to content

Dormire bene è importante sia per la salute sia per il benessere. Quando ci svegliamo ben riposati, ci sentiamo pronti a conquistare il mondo. Ma addormentarsi non è sempre facile. 

È capitato un po’ a tutti di ritrovarsi distesi nel letto, nel cuore della notte, con gli occhi spalancati e i pensieri che vanno a mille. Oppure con gli occhi ostinatamente chiusi, a contare disperatamente le pecorelle cercando di ignorare il fatto che tra sole quattro ore la sveglia suonerà e dovremo andare a lavoro. 

Ma niente paura: abbiamo qui una lista di consigli per fare in modo che, al momento di spegnere la luce, tu possa cadere in un sonno tranquillo e ristoratore. Ecco cosa può aiutarti a dormire meglio:

  1. Esponiti il più possibile alla luce del giorno. L’organismo ha un orologio naturale che ci fa sentire più svegli ed energici durante le ore di luce e pronti per andare a letto quando cala il buio. Cerca quindi di sfruttare al massimo le ore di luce uscendo e tenendoti in attività.
  2. Trova il tempo per un’attività fisica leggera ma costante. Oltre agli scontati benefici sulla salute, l’esercizio fisico aiuta a scaricare lo stress e ti fa stancare a puntino. Cerca quindi di prendere le scale invece dell’ascensore o parcheggia nel posteggio più lontano. Fare esercizio è uno dei modi migliori per favorire un buon sonno.
  3. Limita l’esposizione alla luce blu nelle ore serali. Cellulari, tablet e computer portatili emettono un tipo particolare di luce blu che può ostacolare la comparsa del sonno. Spegni tutti i tuoi dispositivi almeno mezz’ora prima di andare a letto per avere il tempo di rilassarti a dovere.
  4. Riduci il consumo di caffeina. Si sa, caffeina e sonno non vanno affatto d’accordo. Perché invece non provi una buona tisana, bevanda naturalmente priva di caffeina? Ad esempio Time To Relax, con lavanda, camomilla e tiglio - tradizionalmente noti per favorire un buon riposo. Volendo, puoi sostituire anche il caffè di fine pranzo con un tè deteinato, per goderti tutto il gusto del tè ma senza caffeina.
  5. Evita l’alcool. Da qui non si scappa: l’alcool è un acerrimo nemico del dormire bene. Un paio di drink o un bicchierino serale possono aiutare ad addormentarsi più in fretta, ma possono anche peggiorare la qualità del sonno ed è probabile che al risveglio ci si senta intontiti e non particolarmente riposati.
  6. Non cenare tardi. In via ideale bisogna concedere all’organismo tre ore per digerire il pasto prima di mettersi a letto. Cerca quindi di cenare presto.
  7. Segui una routine ben precisa. L’organismo ha i suoi ritmi naturali, perciò bisognerebbe cercare di andare a letto la sera e alzarsi al mattino sempre alla stessa ora. Questo significa rinunciare a dormire fino a tardi nel weekend e limitare a pochi minuti i pisolini pomeridiani, altrimenti rischi di confondere il tuo orologio biologico.
  8. Introduci un rituale del sonno. Che sia concederti un bagno rilassante, leggere un libro a letto, riordinare i pensieri per la giornata seguente scrivendo una lista, o semplicemente sorseggiare una tisana, sperimenta vari metodi fino a trovare quello che ti aiuta meglio a rilassarti prima di dormire.
  9. Crea il tuo “santuario del sonno”. Fai in modo che la tua camera da letto sia un’oasi di tranquillità dedicata al sonno. Scegli con cura l’illuminazione, elimina il disordine, se possibile orientati su colori neutri. Anche le candele profumate possono aiutare a creare l’atmosfera ideale per un buon riposo.
  10. Il letto, il materasso e i cuscini giusti. Sceglili con il giusto grado di sostegno o di morbidezza, a seconda delle tue preferenze. Quando si tratta di qualità del sonno, nulla aiuta più di un bel letto comodo. 

    

CONSIGLI PER DORMIRE BENE

Ora che ti abbiamo dato tutte queste dritte su come assicurarti un sonno ristoratore, per completare l’opera manca solo la tisana Lipton Time To Relax. Questa delicata miscela di camomilla, lavanda e tiglio crea un infuso squisito, perfetto per favorire un buon riposo.

I testi presenti su questo articolo sono stati redatti sulla base di notizie note e disponibili, non da una univoca fonte e non intendono suggerire alcun trattamendo medicale o terapia.